ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CAVALIERI DEL TAU ONLUS

La Storica Compagnia degli Insigniti Cavalieri del Tau o di San Jacopo d’Altopascio ha necessità finanziarie.

Da un lato la sua sopravvivenza è assicurata dal versamento delle quote di ciascun Cavaliere, il cui ammontare può variare di anno in anno in funzione del programma elaborato dal Consiglio dei Reggenti e ratificato dal Capitolo Generale, dall’altro è stato considerato opportuno costituire un’associazione dotata della forma giuridica propria di una organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS).

Tale ente non può ovviamente svolgere alcun tipo di attività commerciale,né qualsiasi altra attività diversa da quella statutariamente prevista. Lo statuto della ONLUS stabilisce altresì espressamente il divieto di distribuzione, anche in modo indiretto, di utili di raccolta, avanzi di gestione etc. nonché l’obbligo di impiegare tali risorse per la realizzazione delle attività istituzionali. Lo strumento della ONLUS consente alla confraternita di operare economicamente e di introitare fondi stanziati da enti locali (Province e Regione) o enti sovranazionali (Unione Europea). Infine occorre specificare che, secondo lo statuto, colui che entra a far parte della Storica Compagnia degli Insigniti Cavalieri del Tau o di San Jacopo d’Altopascio diviene, automaticamente, membro della ONLUS.

E’ questa entità che presenta progetti a Enti ed Istituzioni affinché siano erogati fondi che successivamente saranno impiegati per la rivitalizzazione e rivalorizzazione della Via Francigena.

In questo periodo l’ Associazione Italiana dei Cavalieri del Tau ONLUS sta proponendo piani di lavoro alla Regione  TOSCANA per l’accoglienza povera dei Pellegrini.