San Bartolomeo – Ponte a Cappiano

Un documento del 766 conservato nell’archivio Vescovile di Lucca, attesta che in quell’epoca esisteva in Cappiano un’importante Pieve Battesimale intitolata a S. Pietro e la Badia Vallombrosana di S. Bartolomeo, oltre ad un ospedale posto sulla Via Francigena o Romea. Alla Pieve di Cappiano, ricordata a partire dal 766, erano subordinate 31 ville e quindi il popolamento era basato su piccoli nuclei rurali. L´antica Pieve fu ricostruita nelle immediate vicinanze del Ponte e per questo nacque il toponimo AD PONTEM CAPPIANI, oggi divenuto PONTE A CAPPIANO. Nel 1281 Cappiano si sottomise a Fucecchio, ormai un Comune più potente e popoloso, con il quale si fuse nel 1309. la Badia vallombrosana, costruita nel XII secolo, esisteva fino al XVIII secolo. La Divina Pastora di Ponte a Cappiano che raccoglie intorno a sé i fedeli rappresentati dalle pecorelle, con l’aiuto del Bambino dalle braccia aperte, è un raro esempio di Madonna dal collo lungo, proprio come la Madonna del Parmigianino.