Convento dei Cappuccini – San Miniato

L’insediamento religioso, relativamente recente fra quelli sanminiatesi, sorse fra il 1609 e il 1615 per ottemperare a un voto privato fatto dal cavaliere fiorentino Cosimo Ridolfi; il nobile samminiatese Giovacchino Ansaldi donò il terreno. La chiesa, dedicata all’Immacolata Concezione e ai santi Francesco e Miniato, è preceduta da un elegante portico; l’interno ad aula presenta un imponente altare in legno scuro, tipico delle chiese cappuccine, di linea semplice, con una tela di Rutilio Manetti dedicata ai Santi Francesco e Miniato. Attualmente il complesso è centro per congressi di proprietà della Cassa di Risparmio di San Miniato.